Il mese della spesa

Siamo tutti di corsa, sempre. E non solo i runner.

Abbiamo i minuti contati. Usciamo tardi dall’ufficio, ci incastriamo nel traffico, siamo costretti a fare la spesa dopo il crepuscolo, aggirandoci per le corsie dei supermercati amici (cioè quelli che ci conoscono e non chiudono alle sette e zero zero), come vampiri in tacco dodici e/o doppiopetto.

Qualcuno di noi ha un metodo, qualcun altro creatività.

Qualcuno invece ha solo la forza della disperazione.

C’è chi pianifica il menù con settimane di anticipo. Chi improvvisa. Chi rende credibile una carbonara pronta con spruzzate di farina qua e là sui piani di lavoro. Chi corre, si incasina e alla fine ordina la pizza.

Come facciamo la spesa?

Come decidiamo cosa mettere in tavola?

Abbiamo un metodo?

Quale schema seguiamo per scegliere cosa cucinare per noi e la nostra famiglia?

Novembre, per the emotions factory, è il mese della tavola, ovvero di ciò che precede il momento di sederci.

Nei prossimi post del lunedì, per la nostra sezione antroposhopping, vedremo l’Excellista, il last-minute, e il Mc Gyver.

#Stayqui.